Sabato 19/07/2014, in occasione della XV Edizione Premio Diomede, la professoressa Agata Pinnelli, presente tra il pubblico, ha dichiarato : “““Il Premio Diomede, pur essendo un premio ”adolescente” (quindici anni), è entrato profondamente nel tessuto della storia locale, dando la percezione di esserci sempre stato, connotandosi come elemento “prestigioso” di visibilità a livello nazionale, di riconoscimento della nostra presenza nell’ambito delle manifestazioni culturali. Infatti il “Premio Diomede” è un’efficace sintesi di tradizione ed identità che con instancabile e fedele determinazione si cerca di portare fuori dai confini locali. Ci rendiamo conto che la nostra terra è quasi “matrigna” per i nostri giovani, perché non permette ai loro talenti di sbocciare nella “autoctonia” del territorio: le intelligenze devono migrare per essere riconosciute e valorizzate. La nostra terra non è arida, è ricca di promesse giovanili che possono veramente fare la differenza con il passato creando quel ponte culturale che armonizzi la semplice, ma decorosa civiltà contadina e il passato glorioso, con la promozione, il cambiamento, il progresso e le competenze per far sì che il passato continui ad illuminare un “presente” sempre più presente in ogni sfera cognitiva e metacognitiva. È una rassegna da consolidare perché rappresenta per i nostri ragazzi una passerella di modelli, nei quali si riflettono gli eterni valori di moralità, creatività, promozione di sé, nonché di stimoli per le istituzioni a mettere insieme le forze, le scelte, gli entusiasmi, le passioni, la creatività, i valori che devono diventare la “coerenza fertilizzante” del nostro territorio soprattutto sul piano culturale che è il punto di partenza per le sfide più elevate che il nostro tempo richiede per gestire con consapevole senso di responsabilità solidale lo sviluppo tecnologico. È dal nostro territorio che devono partire progettualità ideative ed applicazioni operative concrete. Questa è la mia speranza e l’augurio per garantire alla nostra città un futuro degno del suo passato.”””

Inoltre, sono arrivate via mail le congratulazioni da parte del professore leccese Arnesano Cosimo Damiano, tra i fondatori del Premio Diomede: “““ Esprimo i miei complimenti per tutto quello che state facendo e per essere arrivati, sicuramente con fatica ma con ampi consensi, alla XV Edizione del Premio Diomede, che mi sono onorato di ricevere, e del quale grazie anche al contributo del presidente Angela Valentino ed a quello di tanti amici canosini, vado orgoglioso di aver ideato e organizzato per sette anni.”””

Ed ancora via mail, il saluto da parte di Pasquale Valente, Presidente dell’Associazione Il Ponte, a nome dell'intera comunità canosina di Torino, che :“““anche quest'anno l'evento abbia il meritato successo, una splendida occasione per evidenziare le capacità, l'impegno, la determinazione ed il lavoro di noi Canosini in ogni parte del paese e del mondo. Oggi più che mai si deve trasmettere ai giovani e giovanissimi, futuro del paese, il messaggio positivo che viene dall'impegno e dal rispetto delle regole, gli stessi valori che stanno alla base di una società rispettosa, sana e costruttiva. Il Premio Diomede è la giusta esaltazione di tali valori.”””

“Condivido pienamente le motivazioni che hanno dato origine al Premio Diomede – valorizzare e dare risonanza al nostro territorio – e allora ancor più forte è la mia gratitudine per avermi considerato meritevole di riceverlo”.
(Dott. Vincenzo DE SARIO – Direttore Generale della Banca d'Italia – Roma, 9 dicembre 1999).

“Sarei stato felice di ricevere il Premio Diomede. Spero di essere dei vostri in altra occasione”.
( Lino BANFI - Roma, novembre 1999).

“Significativa iniziativa volta ad esaltare la meritoria opera in campo scientifico e culturale di tante personalità della nostra terra”.
(Avv. Marcello VERNOLA – Presidente Provincia di Bari – Bari, 2 novembre 2000).

“Progetto meritevole di patrocinio e di contributo, per il valore culturale e di promozione anche turistica del territorio”.
(Dott. Alfredo BORZILLO – Presidente APT – Azienda di Promozione Turistica di Bari – Bari, 22 maggio 2000).

“Plaudo all'iniziativa intrapresa per cercare di dare a tutti “una ragione in più” per impegnarci, ognuno nel proprio campo”.
(Dott. Pasquale MALCANGIO – ex Sindaco di Canosa – Canosa, 8 ottobre 1998).